Medici scomparsi

Istintivamente l’idea di prendere una medicina per tutta la vita non ci piaceva. Finimmo così in una clinica svizzera e lì, dopo alcuni giorni di esami, il vecchio endocrinologo di ottant’anni fece ad Angela una strana domanda: “Lei ha una vita felice? Si sente amata?”
Non so esattamente che cosa Angela gli rispose perché lui mi aveva chiesto di aspettare fuori dalla porta, ma quando chiamo anche me, disse che, a suo parere, Angela non aveva bisogno di prendere niente e che noi due e i nostri figli, allora ancora piccolissimi, potevamo riprendere la nostra vita senza tante preoccupazioni. Un genio! Uno che evidentemente non riduceva tutto a una questione di chimica e che riconosceva alla mente e alla psiche un ruolo importante – forse importantissimo – nel mantenimento del corpo. Dal punto di vista puramente scientifico avremmo dovuto affidarci a una compensazione chimica, ma lui scommise che il ritorno ad una normale vita di affetti e di serenità avrebbe avuto un risultato simile a quello delle medicine, senza però tutti gli effetti collaterali. […]
Purtroppo, quella figura di medico che conosce bene non solo la sua materia, ma anche la vita, che ha una solida formazione scientifica, ma concepisce la medicina come un’arte, in Occidente non esiste più e non viene più prodotta. I medici che oggi escono dalle nostre università pensano ormai esclusivamente in termini di malattie, non di malati. Il paziente è il “portatore” di un male; non è una persona inserita in un suo mondo, con o senza una famiglia, felice o infelice del suo lavoro. Nessun medico va più a casa dell’ammalato, vede la sua quotidianità, capisce i suoi rapporti affettivi. Non ne ha più il tempo. Non ha più la curiosità, l’atteggiamento.
Per questo il malato sia in Europa che in America si sente sempre meno capito dal nuovo medico-funzionario che fa domande soprattutto per riempire dei formulari, o dal medico-specialista che è esperto solo di un pezzo del suo corpo e che di quel pezzo si occupa come se non fosse parte di qualcuno.

 

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *