La rigida educazione giapponese

Secondo alcuni esperti questo sistema scolastico, che sforna a getto continuo giapponesi diligenti e non ribelli, sarebbe alla base della stabilità del Paese; il “miracolo economico” del dopoguerra avrebbe le sue radici nel “miracolo dell’educazione”. Secondo altri, invece, il tallone d’Achille del colosso Giappone sarebbe proprio in questo tipo di scuola che alleva gente incapace di affrontare i problemi del futuro. […]

L’impressione che si ha degli studenti giapponesi è quella di una massa rigidamente controllata e continuamente sotto pressione. A vederli uscire al mattino dalle stazioni della metropolitana, tutti nelle loro uniformi scure, i più piccoli con la cartella sulle spalle, e mettersi poi rigidamente in fila, sugli attenti nei cortili delle scuole, si pensa più a soldatini che a scolari.
Ogni scuola ha la sua uniforme […] : una gonna blu scura a pieghe con camicia alla marinara per le ragazze; pantaloni neri con giacca abbottonata fino al collo per i maschi. […]
Ogni scuola ha i suoi regolamenti. L’osservanza è d’obbligo. Ogni dettaglio è precisato: dalla lunghezza delle gonne alla misura delle cartelle, al colore dei calzini. I maschi devono portare i capelli a spazzola e nasconderli nel berretto; le femmine non possono né tingerseli né farsi la permanente. Se una ragazza ha riccioli naturali o i suoi capelli sono di una tonalità diversa da quella corvina della maggioranza dei giapponesi, è necessario che abbia sempre con sé un apposito certificato per spiegare la sua “anormalità”. Una scuola, per esempio, ha stabilito che le scarpe da ginnastica degli studenti devono avere dodici buchi per le stringhe, un’altra che le ragazze possono portare solo mutandine bianche. […]
I modi con cui gli studenti pagano per i loro atti d’indisciplina variano da scuola a scuola, ma spesso le punizioni sono fisiche, comportano una qualche forma di violenza. […]
In Giappone il conformismo è considerato una grande virtù e la pressione a sottomettersi, a non disturbare l’ “armonia sociale” con atteggiamenti individualistici comincia prestissimo. […]
A scuola il bambino non viene abituato a pensare con la propria testa, ma addestrato a dire la cosa giusta al momento giusto. Per ogni domanda esiste una risposta e quella va imparata a memoria. “Che cosa succede quando la neve si scioglie?” chiede la maestra, e la classe, in coro, deve rispondere: “Diventa acqua!”. Se a uno viene da dire “Arriva la primavera!” è redarguito. Con quello sfoggio di fantasia si è messo fuori dal gruppo e questo è mal visto. […] Chi esce dai ranghi, chi la pensa a modo suo, chi crede di poter fare da sé, è un “indesiderabile”. L’essere semplicemente “diverso” dal gruppo è una colpa, l’essere escluso dal gruppo è la peggiore punizione.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *