L’amico di Galileo

Roma. albori del ‘600. In un epocale scontro con la Chiesa, la scienza moderna si dibatte per nascere, a prezzo di persecuzioni, condanne, sovente persino della vita. L’Inquisizione vorrebbe fermare l’inesorabile rivoluzione. E sguinzaglia i suoi soldati per cogliere sul fatto e processare chi studia l’universo e la natura osando mettere in dubbio le leggi divine.
Nel palazzo del principe Federico Cesi, giovane e illuminato mecenate, si tengono le riunioni clandestine dell’Accademia dei Lincei. Fra gli adepti vi è chi, come l’eminente Galilei, scruta il cielo con la sua “pericolosa” invenzione, il telescopio, e chi – il medico tedesco Johann Schreck detto Terrentius – compie in gran segreto autopsie, altamente proibite, per carpire i segreti del corpo umano secondo l’insegnamento del maestro Vesalio: “Palpate, sentite con le vostre mani e fidatevi di esse”. Nessuno di loro è più disposto a credere alle verità accettate per fede: tutti vogliono sottoporle al vaglio della ragione e dell’esperienza.
Ma il pericolo incombe. Mentre è intento a sezionare un cadavere, Schreck sfugge per un soffio a un agguato, e lo stesso Galileo è costretto a riparare nella campagna toscana.
E’ per ciò con incontenibile entusiasmo che Terrentius viene a sapere di un Paese lontano, la Cina, dove a detenere il potere sono gli uomini di cultura. Nulla può più trattenerlo nell’Europa dominata dalla Chiesa, neppure il doversi accodare ad una missione di gesuiti, gli unici occidentali a penetrare in quel remoto continente: spirito indomito, Schreck, pur riconoscendo come unico dio la sete di conoscenza, prende i voti e si imbarca per l’avventuroso viaggio. Nel bagaglio mette i ferri chirurgici, un grande erbario a cui sta lavorando e molti libri, il mezzo per realizzare il sogno di confrontare il sapere occidentale con quello orientale. Galileo, che gli invidia la scelta audace, promette di spedirgli le nuove effemeridi, affinchè possa mostrarle all’imperatore.
Fra tempeste ed epidemie, la spedizione circumnaviga l’Africa, fa tappa in Madagascar e alle Mauritius per dirigersi verso la Cina. Ma ciò che turba Schreck non sono i pericoli del viaggio, quanto il sospetto, suscitato da alcuni furti, che fra i suoi compagni gesuiti si celi un emissario dell’Inquisizione, forse disposto a uccidere pur di incastrarlo.
Romanzo epico ed emozionante, L’amico di Galileo fonde in un’unica trama un contesto storico di raro valore e suggestione, la caratterizzazione di un protagonista memorabile, scene avventurose e uno svolgimento giallo che culmina in un finale mozzafiato. Vario nelle atmosfere e nelle ambientazioni – dalla Roma papalina alla Città Proibita di Pechino -, permeato dell’esaltante clima culturale in cui maturò la rivoluzione scientifica del ‘600, fluido e coinvolgente nella scrittura, è il debutto di un nuovo talento italiano.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *