La stella e la croce

“Cos’è questa storia, allora?”
“E’ che trovando la stella di Strindberg e portandola qui” rispose Eberlein “ha reso possibili altri grandi passi avanti nello sviluppo del sapere umano. E quando stanotte la stella e la croce torneranno finalmente a unirsi il lavoro interrotto della Fondazione potrà finalmente riprendere.”
“Il lavoro interrotto della Fondazione?” ripetè Don, infilando una mano nella tracolla in cerca di qualcosa di stimolante, che potesse tirarlo fuori dalla crescente sensazione di essere in un sogno. […]
“Ma cosa c’era da scoprire?” chiese Don.
Eberlein sorrise, mentre fuori dal castello il vento aumentava di intensità. Con la coda dell’occhio Don vide che anche Eva stava ascoltando con interesse.
“All’inizio niente che gli scienziati dei primi del Novecento fossero in grado di capire” rispose il tedesco.
“Ci vollero dieci anni di intensi studi prima di riuscire ad individuare un modo, per quanto primitivo, di estrarre i … sedimenti di sapere. Ma forse ‘sapere’ non è la parola giusta, si trattava piuttosto di confusi sussurri sulla struttura più profonda dell’esistenza, una sorta di abbozzo mentale di com’è fatto il mondo”. […]
“Le ricerche della Fondazione iniziarono dunque nei primi anni del Novecento, quando un concetto come la particella di Higgs era un granello di sporcizia da spazzare via. Trent’anni prima che James Joyce inventasse per caso la parola quark. Neutrini, mesoni, quasar … in un mondo che non aveva ancora accettato la teoria evoluzionistica di Darwin. Le locomotive a vapore erano all’avanguardia, i fucili mauser con la loro polvere erano il meglio dell’arte militare. Si conosceva la spirale d’acciaio, ma non quella del DNA. Nessuno sarebbe stato in grado di capire il significato di una simile scoperta, anche se qualcuno l’avesse disegnata in preda a una visione. Comunque, le annotazioni si interruppero nell’estate del 1917, quando la croce e la stella sparirono inaspettatamente nel nulla”.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *