La preghiera funziona

“E’ una stella”, disse Monk.
Lisa sollevò lo sguardo. “Non una stella qualsiasi … E’ la stella di David.”
Gray annuì.
Fiona fece la domanda più importante. “Ma che significa?”
Gray sospirò. “Non lo so. Non ho idea di che cosa c’entri con la Campana, col perfezionamento del dispositivo. Forse era semplicemente un’ultima dichiarazione d’identità, un messaggio segreto alla sua famiglia.” Ricordò le ultime parole di Anna: non sono una nazista.
Il codice runico di Hugo era soltanto un altro modo per dire la stessa cosa?
“No”, replicò Lisa secca. “Se vogliamo risolvere l’enigma, dobbiamo comportarci come se questa fossa la risposta.”
[…]
“Secondo Anna”, proseguì Lisa, “Hugo entrò nella camera d’irradiazione della Campana con un neonato. Senza strumenti speciali: c’erano soltanto lui e il bambino. E, quando l’esperimento fu concluso, i test dimostrarono che aveva prodotto il primo vero e puro Cavaliere del Sole.”
“Che ha fatto là dentro?” chiese Fiona.
Lisa indicò la stella di David. “La stella ha molteplici significati. E’ un simbolo di preghiera e di fede, e forse altro. Vedete che la stella a sei punte è in realtà la sovrapposizione di due triangoli, l’uno rivolto verso il basso e l’altro verso l’alto? Nella Cabala ebraica, i due triangoli sono l’equivalente dello yin e dello yang, della luce e dell’oscurità, del corpo e dell’anima. Un triangolo rappresenta la materia e il corpo, l’altro la nostra anima, la nostra essenza spirituale, la nostra mente cosciente.”
“E, uniti, rappresentano entrambi”, osservò Lisa. “Non soltanto una particella o un onda, ma entrambi”.
[…]
Lisa guardò la camera d’irradiazione. “Anna ha detto che la Campana di fatto è uno strumento per misurare i quanti, che manipola l’evoluzione. L’evoluzione quantica. Tutto si ricollega alla meccanica quantistica, dev’essere questa la chiave.”
[…]
Chiuse gli occhi e si mise a sedere, cercando di trovare un punto d’incontro tra la stella di David e la meccanica quantistica. C’era una risposta nel mezzo? “Hai detto che Hugo è entrato nella camera d’irradiazione da solo?”
“Esatto”, rispose Lisa sottovoce, come se intuisse che doveva lasciarlo riflettere in pace.
[…]
“Attiva la Campana”, disse Gray, dirigendosi verso la console. “Adesso!”
Lisa lo seguì e cominciò la procedura. “Ci vorranno quattro minuti per raggiungere un impulso palliativo.” Lanciò un’occhiata a Gray mentre lavorava, con uno sguardo interrogativo. “Che cosa stiamo facendo?”
Lui si voltò verso la Campana. “Hugo non è entrato nella camera senza strumenti.”
“Ma Anna ha …” obiettò Lisa.
“No”, la interruppe lui. “E’ entrato con la stella di David. E’ entrato con la preghiera e la fede. Ma soprattutto è entrato con il suo computer quantistico.”
“Cosa?”
Gray parlava velocemente, sicuro di avere ragione. “Da secoli la coscienza è un interrogativo che sconcerta gli scienziati, Darwin compreso. Che cos’è la coscienza? E’ soltanto il nostro cervello? Sono gli impulsi nervosi? Qual è il confine tra cervello e mente? Tra materia e spirito? Tra corpo e anima?” Indicò il simbolo. “La ricerca attuale dice che siamo entrambe le cose. Siamo l’onda e la particella. Il corpo e l’anima. La vita stessa è un fenomeno quantistico.”
[…]
Gray fece un respiro profondo, eccitato. “Gli scienziati rifiutano la spiritualità, definendo il cervello un complesso computer. La coscienza insorge soltanto come un sottoprodotto dell’attivazione di una rete di neuroni interconnessi, di fatto una rete neurale, che agisce a livello dei quanti.”
“Un computer quantistico … ” disse Lisa. “Ma che diavolo è?”
“Hai visto i codici informatici scomposti a livello basilare, no? Sono pagine intere di zero e di uno. E’ così che pensa il computer moderno: lo zero e l’uno. Un teorico computer quantistico, se potesse essere costruito, offrirebbe una terza opzione: zero e uno.”
“Come gli elettroni nel mondo dei quanti. Possono essere onde o particelle, oppue tutt’e due le cose allo stesso tempo.”
“Una terza possibilità”, ribadì Gray, annuendo. “Non sembra granchè, ma, aggiungendo questa opzione alle possibilità di un computer, l’apparecchio sarebbe in grado di eseguire simultaneamente compiti algoritmici multipli.”
[…]
“E i nostri cervelli fanno tutto ciò?” chiese Lisa “Funzionano come computer quantistici?”
“Secondo le teorie più recenti, sì. Il nostro cervello propaga un campo elettromagnetico misurabile, generato dalle complesse interconnessioni tra i neuroni. Alcuni scienziati ipotizzano che la coscienza risieda in questo campo, facendo da ponte tra la materia del cervello e il mondo dei quanti.”
“E la Campana è ipersensibile ai fenomeni quantistici”, aggiunse Lisa. “Perciò, entrando con il bambino nella camera della Campana, Hugo ha influenzato il risultato.”
“Ciò che viene osservato è modificato all’atto dell’osservazione. Ma penso che ci sia qualcosa di più.” Gray indicò la stella di David. “Perchè un simbolo di preghiera?”
Lisa scosse la testa.
“Che cos’è la preghiera se non la concentrazione della mente, la concentranzione della coscienza? E, se la coscienza è un fenomeno quantistico, allora anche la preghiera lo è.”
“E, come tutti i fenomeni quantistici, misura e influenza il risultato…” mormorò Lisa.
“In altre parole …” cominciò Gray, poi aspettò.
Lisa si alzò. “La preghiera funziona.”
“E’ ciò che ha scoperto Hugo, è questo che ha nascosto nei suoi libri. Una cosa inquietante e spaventosa, ma troppo bella per lasciarla morire.”
Monk si appoggiò alla console, accanto a Lisa. “Stai dicendo che ha fatto diventare perfetto quel bambino con la forza di volontà?”

 

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *